Nel mondo
Il piano UE per l'emergenza profughi
27.04.2015
Il piano UE per l'emergenza profughi
Il Consiglio Europeo straordinario del 23 aprile a Bruxelles ha deciso di aumentare l’impegno UE nella gestione dell’emergenza sbarchi.

La situazione nel Mediterraneo è drammatica. L'Unione europea si adopererà con ogni mezzo a sua disposizione per evitare ulteriori perdite di vite umane in mare e per affrontare le cause profonde dell'emergenza umana a cui stiamo assistendo, in cooperazione con i paesi di origine e di transito. La nostra priorità immediata è evitare altre morti in mare.

Abbiamo pertanto deciso di rafforzare la nostra presenza in mare, lottare contro i trafficanti, prevenire i flussi migratori illegali e rafforzare la solidarietà e la responsabilità interne.

Poiché l'instabilità in Libia crea un ambiente ideale per le attività criminali dei trafficanti, sosterremo attivamente tutti gli sforzi a guida ONU diretti a ristabilire l'autorità di governo in Libia. Intensificheremo inoltre la nostra azione per affrontare le situazioni di conflitto e l'instabilità che sono fattori cruciali di spinta della migrazione, anche in Siria.

Continua a leggere

Condividi

fb tw

Commenti