Inclusione sociale

La società è per definizione un termine “inclusivo”. Ma far parte di una società va oltre la tolleranza: significa conoscere e condividere le regole di convivenza.

#Pari_opportunità.
L’attuale contesto nazionale, con il lungo prolungarsi della crisi economica, non favorisce un contesto di pari opportunità per i cittadini di origine straniera (comunitari e non comunitari) e spesso anche il mondo della comunicazione contribuisce a creare un diffuso sentimento di ostilità che contrasta con il principio di non discriminazione.

#Partecipazione_attiva.
Per l’attuazione delle pari opportunità è inoltre necessario, da parte dei cittadini d’origine straniera, quell’impegno di cui parla il T.U. che ha quale condizione imprescindibile l’apprendimento della lingua del paese di arrivo e degli elementi costitutivi della società italiana.

#Conoscenza_dei_servizi.
Anche l’accesso ai servizi va ricondotto alla piena attuazione del principio di pari opportunità: conoscere i ruoli e le competenze dei singoli enti e la struttura dei servizi disponibili nel territorio consente a tutti, cittadini stranieri compresi, di usufruire compiutamente delle opportunità a disposizione.

#Integrazione_linguistica.
L’apprendimento della lingua italiana è un tema che attraversa trasversalmente tutte le problematiche connesse al soggiorno e alla stabilizzazione di cittadini d’origine straniera.

#Donne_immigrate.
Esistono servizi specifici per le esigenze della popolazione straniera femminile (in termini di orari e modalità): ad esempio, può essere agevolata nella frequenza di corsi di lingua e cultura italiana fornendo servizi di baby sitting o, come è già stato sperimentato, organizzando le lezioni in concomitanza con l'orario scolastico, magari all'interno delle stesse scuole frequentate dai loro figli.

#Anti-discriminazione.
A livello regionale è stato istituito un Osservatorio sulla discriminazione razziale nel mondo del lavoro (in accordo tra Regione e UNAR), utile ad implementare azioni di contrasto alla discriminazione a tutti gli ambiti della vita sociale dei cittadini d’origine straniera. 

– URP
– Sindacati
– Categorie Datoriali
– Privato sociale
– Associazionismo
– Servizi per l’impiego pubblici e privati
– Informagiovani
– Istituti scolastici

– Prefettura
– Questura
– SUI
– Anagrafi dei Comuni
– A.ULSS del Veneto

 

 

Piani Territoriali per L’integrazione. Progetto a sostegno dell’integrazione degli immigrati attraverso il coordinamento degli Enti Locali in concorso con le istituzioni scolastiche, il mondo associativo e gli altri enti e organismi pubblici e privati.

Rete Regionale informativa per l’immigrazione, che ha dato vita a svariate iniziative, tra cui il sito web www.venetoimmigrazione.it.

Corsi di lingua e cultura italiana promossi da Regione Veneto, associazioni di volontariato nel territorio e istituzioni locali.